Terme di Diocleziano

Erano le più grandi terme di Roma, e ancora oggi i suoi resti sono di un’imponenza tale da sbalordire chiunque. Considerando che le Terme di Diocleziano occupavano un’area compresa tra Piazza della Repubblica, Piazza dei Cinquecento, via del Volturno e via XX Settembre, e che l’ingresso a esedra originario è oggi confluito, restando inalterato, proprio a Piazza della Repubblica (dai romani ancora chiamata per l’appunto Piazza Esedra), viene da farsi più di un’idea sulle dimensioni di un complesso nel quale vi potevano entrare fino a 3.000 persone contemporaneamente.

I lavori furono commissionati da Massimiano, appena nominato Imperatore Romano d’Occidente dal fratello Diocleziano e durarono ben 8 anni. Le terme ospitavano biblioteche, aree di passeggio e moltissime vasche. Le grandi stanze che rappresentavo il cuore delle terme (frigidarium, tepidarium, calidarium) furono nel corso del tempo studiate da diversi esponenti rinascimentali e rielaborate: è il caso del tepidarium, all’interno del quale Michelangelo costruì la Basilica di Santa Maria degli Angeli e dei Martiri, rifiutandosi di alterare l’aspetto originario delle terme.

Queste furono infatti espoliate da diversi papi per la costruzione di altri edifici, così come era la moda del tempo, ma ancora oggi le terme di Diocleziano rappresentano uno dei monumenti della Roma antica più straordinari giunti fino a noi, non solo per dimensioni, ma anche per il grande interesse artistico e storico che suscita e che attira ogni anno milioni di turisti.

Le Città SocialTripper : Barcellona | Roma | Parigi | Londra | Firenze | Milano

Socialtripper è un Network realizzato da New Com Agenzia Web - Roma | PI 02504700606