Teatro Marcello

Scendendo da Piazza Venezia fino al Lungotevere, in direzione di Trastevere, possiamo ammirare l’unico tra gli edifici romani riservati agli spettacoli teatrali giunto fino a noi.

Iniziato da Giulio Cesare per oscurare l’importanza del teatro del concorrente politico Pompeo, i lavori furono completati da Augusto, che ampliò il progetto, rendendolo uno dei più grandi teatri romani del periodo, un modello per i futuri teatri e anfiteatri di tradizione romana, diversa da quella greca principalmente per la differente struttura su cui poggiava la cavea.

Il Teatro fu dedicato al nipote Marcello, suo eventuale successore se non fosse morto prematuramente.

Il Teatro Marcello poteva contenere fino a 20.000 posti e la sua sontuosità si manifestava sia all’esterno (per la sua altezza spropositata, per il numero delle arcate realizzate e per il colpo d’occhio che indubbiamente faceva sfigurare il vicino teatro pompeiano), sia all’interno: fonti dell’epoca infatti parlano in maniera entusiasta della spettacolarità della scena.

Dal Medioevo il Teatro Marcello divenne un castello fortificato, la cui proprietà fu contesa da diverse famiglie, tra cui gli Orsini. Metà struttura romana e metà palazzo nobiliare, il Teatro Marcello, nonostante l’enorme differenza per forme e dimensioni con il modello originario, rimane oggi uno dei reperti più importanti della Roma antica.

Le Città SocialTripper : Barcellona | Roma | Parigi | Londra | Firenze | Milano

Socialtripper è un Network realizzato da New Com Agenzia Web - Roma | PI 02504700606