Ponte Vittorio Emanuele II

Conosciuto anche come semplicemente Ponte Vittorio, il Ponte Vittorio Emanuele II, che collega Corso Vittorio Emanuele con il Vaticano, è una costruzione piuttosto recente, che dopo anni e anni di lavori, ha avuto la sua inaugurazione giusto in tempo per celebrare i festeggiamenti del Cinquantesimo anniversario dell’Unità d’Italia.

Con Roma proclamata capitale, inoltre, si sentiva la necessità di collegare più zone della città, anche perché la popolazione era in continuo aumento. Dopo un tentativo di costruire il ponte in ferro, subito bocciato, il progetto venne commissionato all’ingegnere Ennio De Rossi. Il ponte in muratura venne iniziato nel 1896 e solo 25 anni dopo, il 5 giugno del 1911, poté essere inaugurato.

Così come il Vittoriano, altro monumento dedicato al re d’Italia e sorto per celebrare Roma capitale e l’Unità d’Italia, si presenta come un compendio di statue che vanno a rappresentare le Vittorie e i valori del Paese. Formato da 3 arcate, sui piloni di quella centrale stazionano imponenti quattro gruppi marmorei rappresentanti l’Unità d’Italia, la Libertà, l’Oppressione vinta e la Fedeltà allo Statuto. Le Vittorie alate invece sorvegliano dall’alto delle colonne i due imbocchi del ponte.

Le Città SocialTripper : Barcellona | Roma | Parigi | Londra | Firenze | Milano

Socialtripper è un Network realizzato da New Com Agenzia Web - Roma | PI 02504700606