Ponte Sublicio

L’attuale ponte Sublicio collega i quartieri Ostiense e Testaccio a Trastevere e Monteverde, unendo Piazza dell’Emporio a Porta Portese. Iniziato a costruire nel 1914 dall’architetto Marcello Piacentini, subì un prolungamento dei lavori a causa della Prima Guerra Mondiale e solo nei primi mesi del 1919 fu finito e inaugurato.

Il ponte Sublicio è in muratura ed è costituito da 3 arcate. Il nome proviene dall’antico ponte omonimo più famoso, situato nelle vicinanze e andato perduto. Il ponte Sublicio deve la sua fama alla leggenda di Orazio Coclite: su quel ponte, la cui costruzione risale al tempo di Anco Marzio, Coclite sfidò da solo l’esercito etrusco che voleva riportare Tarquinio il Superbo a regnare su Roma, sacrificandosi per difendere Roma.

Sublicio viene dal termine volsco "sublicae", a indicare le travi di legno che costituivano l’antico ponte. Infatti, questo ponte era stato costruito in legno per renderlo facilmente trasportabile e con la finalità di collegare Roma all’altra riva del Tevere, consentendo il contatto con le popolazioni etrusche. Nel corso del tempo, subì numerose ricostruzioni a causa delle improvvise inondazioni del Tevere che resero necessario l’utilizzo di pilastri di pietra, sopravvissuti fino alla sua completa demolizione.

Le Città SocialTripper : Barcellona | Roma | Parigi | Londra | Firenze | Milano

Socialtripper è un Network realizzato da New Com Agenzia Web - Roma | PI 02504700606