Ponte Sant’Angelo

Ponte Sant’Angelo venne costruito nel 136 d. C. circa, per collegare Roma al Mausoleo di Adriano, ovvero l’attuale Castel Sant’Angelo. Per questo, è conosciuto anche come Ponte Adriano. Tra i suoi nomi si annoverano anche Ponte Elio, Ponte di Castello o Ponte di San Pietro. Quest’ultima denominazione deriva dal fatto che il ponte fu un frequentatissimo punto di passaggio per i numerosi pellegrini diretti verso il Vaticano.

Ponte Sant’Angelo non è mai stato danneggiato né rovinato dalla piena del Tevere, ma è da registrare il tragico avvenimento avvenuto nel 1450, quando le balaustre del ponte cedettero a causa dell’afflusso dei numerosi pellegrini in occasione del Giubileo.

Le statue di San Pietro e San Paolo all’imbocco del ponte furono erette nel 1535 da papa Clemente VII: successivamente vennero aggiunte anche altre statue raffiguranti Adamo, Noè, Abramo e Mosè, ma oggi rimangono solo le sculture dei due patroni di Roma. Risalgono invece al Seicento, commissionate da papa Clemente IX, le statue dei 10 angeli situate sul parapetto, realizzate sotto la direzione di Gian Lorenzo Bernini.

Oltre alla meraviglia degli abbellimenti scultorei che lo caratterizzano, Ponte Sant’Angelo è un punto ideale per godere il panorama romano, con tutti i suoi simboli architettonici in bella vista.

Le Città SocialTripper : Barcellona | Roma | Parigi | Londra | Firenze | Milano

Socialtripper è un Network realizzato da New Com Agenzia Web - Roma | PI 02504700606