Pantheon

Opera di angeli e non di uomini, come ebbe a dire Michelangelo, tant’è che per la sua bellezza qui Raffaello Sanzio volle essere seppellito e così fu.

Pantheon, dal greco "pan" (tutto") e "theon" ("il divino"), fatto erigere da Marco Vipsanio Agrippa, genero e amico di Augusto, è un monumento dedicato a tutte le divinità dei romani, orientato verso le volte celesti.

Il Pantheon è sicuramente uno dei monumenti della storia antica più imitati, preso a modello per la realizzazione di biblioteche universitarie, memoriali e chiese del vecchio e del nuovo continente. Subì diverse ricostruzioni nel corso dell’impero romano a causa di numerosi incendi, ed è uno dei siti di maggiore interesse storico-culturale, tra le mete preferite dai turisti.

Il Pantheon che vediamo oggi non è la versione originaria di Agrippa (risalente al 27 a. C.), bensì quella restaurata da Adriano, tra il 118 e il 125. Nonostante questo, Adriano volle mantenere sulla fronte dell’edificio la scritta latina originaria: "Lo costruì Marco Agrippa, figlio di Lucio, console per la terza volta".

Il Pantheon fu salvo dalle distruzioni dei primi anni del Medio Evo e dalle espoliazioni papali, poiché fu donato al Papa Bonifacio IV dall’imperatore bizantino Foca, nel 608. Il Pantheon divenne dunque una chiesa cristiana, denominata "Sancta Maria ad Martyres" e ancora oggi svolge regolari funzioni e riti di chiesa.

Già dal XV secolo il Pantheon fu arricchito di decorazioni: oltre alla tomba di Raffaello, ospita anche le tombe di alcuni membri della famiglia Savoia, tra cui Vittorio Emanuele II.

Le Città SocialTripper : Barcellona | Roma | Parigi | Londra | Firenze | Milano

Socialtripper è un Network realizzato da New Com Agenzia Web - Roma | PI 02504700606