Palazzo Montecitorio

Originariamente progettato per farne la residenza della famiglia Ludovisi, Palazzo Montecitorio deve la sua forma e la sua struttura prevalentemente a 3 architetti: Gian Lorenzo Bernini, Carlo Fontana ed Enrico Basile. Se al primo si deve prevalentemente la facciata convessa che segue la curvilinea della collina, al secondo si devono il campanile a vela e gli ampliamenti dell’edificio. Enrico Basile, invece, esponente dello stile liberty italiano, all’inizio del Novecento fu incaricato di modificare la struttura del palazzo, tranne la facciata, ampliare e abbellire il cortile centrale e gli interni per ospitare i deputati.

Palazzo Montecitorio fu dunque inizialmente progettata per ospitare la famiglia Ludovisi, la quale, una volta caduta in disgrazie economiche, pose fine al progetto nel 1655. Circa trent’anni dopo, per volere di papa Innocenzo XII, l’edificio, ampliato da Fontana, divenne la sede della Curia Pontificia.

Con l’Unità d’Italia e la proclamazione di Roma capitale, fu urgente la necessità di trovare sedi politiche e amministrative adeguate. Scartati il Campidoglio e Palazzo Venezia, fu proprio Palazzo Montecitorio l’edificio prescelto per ospitare la Camera dei deputati. Davanti al palazzo si può inoltre ammirare l’obelisco egiziano fatto portare a Roma da Augusto nel 10 a. C., e qui collocato alla fine del Cinquecento da papa Sisto V.

Le Città SocialTripper : Barcellona | Roma | Parigi | Londra | Firenze | Milano

Socialtripper è un Network realizzato da New Com Agenzia Web - Roma | PI 02504700606