I musei di Roma

Per visitare tutti i musei di Roma, una giornata, molto probabilmente, non basta. Se cominciassimo il nostro itinerario dai Musei Vaticani, ad esempio, perderemmo un’intera mattinata, di cui il 70% del tempo in fila, soprattutto se si arriva tardi. Sì, le file sono quasi sempre chilometriche, ma vale davvero la pena di attendere per ammirare la straordinarietà e la meraviglia di questi musei e, in particolare, la sontuosa Cappella Sistina.

Un altro sito in cui ci sarà un poco da aspettare (ma anche qui varrà la pena mettersi in coda all’eventuale fila) è quello che riguarda i Musei Capitolini, che si trovano sul Campidoglio: qui potrete ammirare opere rinascimentali provenienti anche dalle collezioni vaticane e opere provenienti dagli scavi romani. Punto di maggiore interesse dei Musei Capitolini è senz’altro la Pinacoteca Capitolina.

Visto che parliamo di arte rinascimentale, se vi trovate nei pressi di Villa Borghese, fate un salto alla Galleria Borghese, dove si trova una delle maggiori collezioni di arte rinascimentale di tutto il mondo, una vasta collezione di opere d’arte e affreschi risalenti a un lasso di tempo di almeno 3 secoli.

Se invece siete appassionati di civiltà etrusca, non perdetevi il Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, dove potrete vedere reperti di importanza storica dall’indubbio valore risalenti al periodo della civiltà etrusca e falisca.

Interessati alla storia di Roma, dai primordi a oggi? Ecco allora un piccolo itinerario da seguire per ammirare l’evoluzione storica della città eterna: cominceremo senz’altro dal Museo della Civiltà Romana, all’Eur, dove sarà possibile conoscere gli usi e i costumi dell’antica Roma e visitare numerosi reperti appartenenti a collezioni storiche e di valore. Da qui al Museo dell’Ara Pacis, per ammirare l’altare consacrato alla pace augustea risalente al 9 a. C. e perfettamente conservato in una teca. Se vi guardate intorno, inoltre, avrete anche la possibilità di ammirare eventuali opere esposte, visto che il Museo si presta anche a ospitare mostre d’arte di ottimo valore. Dal Museo dell’Ara Pacis, arriveremo a Castel Sant’Angelo, vero e proprio "testimone" di buona parte della storia romana, dal 125 d. C. a oggi. Castel Sant’Angelo è stato infatti protagonista diretto e indiretto delle principali vicende che hanno sconvolto la città eterna, anche perché nel tempo, pur mantenendo l’aspetto di fortezza (o castello) che vediamo ancora oggi, è stato tomba imperiale nell’antica Roma, palazzo nobiliare, rifugio di papi e carcere. Infine, se abbiamo ancora tempo e voglia (sì che ne avete!), andiamo a visitare il Museo di Roma a Palazzo Braschi, che ospita collezioni e reperti che appartengono alla Roma dal Medievo al primo Novecento.

Dopo la Storia, l’Arte: se siete interessati a opere d’arte antica, moderna e contemporanea, i musei da visitare sono molteplici: nel quartiere Nomentano potrete visitare il MACRO, ovvero il Museo di Arte Contemporanea di Roma, che ospita i migliori artisti e le più qualificate scuole della scena contemporanea. Ci sposteremo poi verso il quartiere Flaminio, dove visiteremo il MAXXI, il Museo delle Arti del XXI secolo, suddiviso in due spazi (arte e architettura) ricchi di cultura e espressioni artistiche. E visto che parliamo di arte dei giorni nostri, non possiamo non citare la GNAM, ovvero la Galleria Nazionale d’Arte Moderna, che vanta la più ampia collezione d’arte contemporanea italiana.

Vi sono inoltre molti altri Musei che puntano l’attenzione sulla Storia e sull’Arte, la maggior parte dei quali organizza periodicamente mostre ed esposizioni che si mantengono per mesi e mesi e che possono essere prorogate su richiesta: il Complesso del Vittoriano e il Palazzo delle Esposizioni sono tra questi e hanno ospitato e continuano a ospitare i maggiori esponenti dell’arte rinascimentale, moderna e contemporanea, sia a livello di pittura sia a livello di arte multimediale.

Le Città SocialTripper : Barcellona | Roma | Parigi | Londra | Firenze | Milano

Socialtripper è un Network realizzato da New Com Agenzia Web - Roma | PI 02504700606