Gianicolo

Ci troviamo sulla terrazza di Roma, tra Trastevere e Monteverde, teatro di grandi imprese tra leggenda e realtà. Da Muzio Scevola a Giuseppe Garibaldi, il Gianicolo prende il nome dal dio Giano, che qui avrebbe posto una comunità definita "Ianiculum".

Qui Muzio Scevola dimostrò a Porsenna quanto valeva la vita di un soldato di Roma incaricato di difendere la sua città. Qui Giuseppe Garibaldi difese la Repubblica Romana dalle truppe francesi convocate dal papa Pio IX per difendere lo Stato Pontificio.

E infatti, percorrendo la passeggiata del Gianicolo, sarà possibile vedere una serie di busti dedicati agli eroi caduti nell’impresa risorgimentale finita male.

Al centro del Gianicolo, inoltre, si erge la stata equestre di Garibaldi, a opera di Emilio Gallori e, più avanti, all’altezza del Faro, la statua di Anita Garibaldi, opera di Mario Rutelli, nel cui piedistallo conserva le ceneri della moglie dell’Eroe dei Due Mondi.

La straordinaria veduta su Roma che offre il Gianicolo è impareggiabile: riconoscere i monumenti e le chiese che da qui è possibile vedere è il classico gioco dei romani e dei turisti che vi si soffermano.

E quando il sole tramonta, sarà possibile osservare la luce che si staglia sui tetti di Roma, vi si aggrappa sopra e sembra non voler andare più via, regalando un panorama altamente suggestivo ed emozioni indescrivibili. Vedere per credere.

Le Città SocialTripper : Barcellona | Roma | Parigi | Londra | Firenze | Milano

Socialtripper è un Network realizzato da New Com Agenzia Web - Roma | PI 02504700606