Campo de’ Fiori

La vedete quella figura cupa, con il mento poggiato sul petto, che campeggia al centro della piazza da ormai più di un secolo e mezzo? Non ha tutti i torti a essere così torvo: è qui infatti, proprio in questa piazza, che quel poveretto fu arso vivo per eresia, nel lontano 1600. Era un frate domenicano di nome Giordano Bruno è questa è la sua piazza, più o meno di diritto, Campo de’ Fiori.

Il nome di questo luogo è di origine incerta: c’è chi dice che venga dal nome di una donna amata da Pompeo, Flora, che qui vi fece erigere un teatro; altri invece affermano che, prima della riscoperta e ricostruzione a opera del Papa Callisto III, questa zona fosse ricoperta da una consistente vegetazione. Fatto sta che nel corso del tempo, anche grazie alla presenza di Palazzo Orsini, Campo de’ Fiori ospitò ambasciatori e personaggi illustri del tempo. Come quasi ogni luogo ha però il suo rovescio della medaglia: qui venivano anche eseguite le esecuzioni capitale e Giordano Bruno fu la vittima più illustre, al quale Ettore Ferrari, alla fine dell’Ottocento, dedicò la lugubre statua che vedete.

Ma Campo de’ Fiori è anche la piazza che ospita un mercato particolare, caratteristico, di puro gusto e spirito popolare e popolano, come ben rappresentarono Anna Magnani e Aldo Fabrizi nel film omonimo del ’43. Luogo vivace e "caciarone", mantiene i lati del suo carattere anche di sera, cambiando giusto d’abito. Ritrovo di giovani italiani e stranieri che qui si radunano, passando da un locale all’altro o semplicemente sedendo sotto la statua di Giordano Bruno a chiacchierare, ridere e scherzare.

Se avete fame e volete gustarvi la vista della piazza dall’alto, vi consiglio di andare a "La Carbonara", ritrovo culinario di gran classe dal nome tipicamente romano. E se dopo avete voglia di vedere un film, state tranquilli, è tutto a portata di mano: due passi e siete al Cinema Farnese, il cui palinsesto è sempre di qualità. Librerie e piccole boutique disseminate o nella piazza o nei vicoletti attorno, inoltre, vi attireranno grazie al loro autentico fascino.

Qualcuno di voi si è perso qualcosa? Ah beh, la domanda mi sembra giusta: sì, vedete bene. Siamo in una piazza del centro storico, ma non c’è nessuna chiesa da visitare. Questa è l’unica in tutta Roma che non abbia un luogo di culto consacrato al rito cattolico. Chissà, magari Giordano Bruno non l’avrebbe presa bene...

Le Città SocialTripper : Barcellona | Roma | Parigi | Londra | Firenze | Milano

Socialtripper è un Network realizzato da New Com Agenzia Web - Roma | PI 02504700606