Basilica di Sant’Apollinare

Questa chiesa, situata tra Palazzo Altemps e Piazza Navona, è dedicata al primo vescovo di Ravenna, Apollinare, che fu inviato proprio da San Pietro a evangelizzare quella regione. La Basilica di Sant’Apollinare che vediamo oggi non ha niente a che vedere con quella primitiva eretta tra il VII e l’VIII secolo, quando Roma era sotto il pieno influsso bizantino.

Quella che vediamo oggi risale ai lavori voluti da papa Benedetto XIV su un progetto realizzato dall’architetto Ferdinando Fuga, nella metà del Settecento. La Basilica presenta una navata unica centrale con tre cappelle laterali e una volta a botte sulla quale campeggia l’affresco di Stefano Pozzi, "Gloria di Sant’Apollinare". La magnificenza marmorea e bronzea dell’altare è invece opera di Luigi Valadier, padre del ben più noto Giuseppe.

La Basilica di Sant’Apollinare fu per un lungo periodo anche al centro delle polemiche, perché nella cripta sotterranea vi è seppellito Enrico De Pedis, uno dei leader della sanguinosa Banda della Magliana. Per volere dei cardinali Poletti e Vergari, De Pedis ricevette dunque una sepoltura del tutto inusuale, sebbene alcuni voci affermino che la sua salma si trova in un’area esterna alla chiesa e non consacrata.

Le Città SocialTripper : Barcellona | Roma | Parigi | Londra | Firenze | Milano

Socialtripper è un Network realizzato da New Com Agenzia Web - Roma | PI 02504700606