Basilica dei Santi Giovanni e Paolo

Sul colle Celio sorge la Basilica dei Santi Giovanni e Paolo, eretta su una domus ecclesiae nel 398 d. C., probabilmente da Pammachio, figlio del senatore Bizante. Giovanni e Paolo erano due ufficiali romani martirizzati sotto l’impero di Giuliano, l’ultimo tra gli imperatori romani a voler ripristinare la religione romana in un tempo in cui la religione cattolica era riconosciuta e si stava ormai diffondendo tra le varie comunità.

La Basilica non ebbe vita facile: fu infatti la vittima privilegiata, prima del sacco di Roma a opera dei Visigoti, poi da un terremoto e in seguito dall’invasione normanna, ma nel corso del tempo fu anche meta privilegiata per espoliazioni, rimaneggiamenti e rifacimenti (i più importanti dei quali furono commissionati dal cardinale Fabrizio Paolucci nel 1715), fino al 1951, anno in cui un arcivescovo cattolico romano, Frances Joseph Spellman le conferì la forma attuale, anche tramite la riedificazione della facciata paleocristiana.

Oltre alla lapide che ricorda il martirio di Giovanni e Paolo, le cui reliquie sono conservate all’interno di una vasca in porfido situata sull’altare maggiore, all’interno della Basilica è possibile vedere anche la tomba di San Paolo della Croce, padre dell’ordine dei Passionisti, e alcuni affreschi del Pomarancio e di Barbieri, Piastrini e Triga, raffiguranti il martirio dei santi.

Le Città SocialTripper : Barcellona | Roma | Parigi | Londra | Firenze | Milano

Socialtripper è un Network realizzato da New Com Agenzia Web - Roma | PI 02504700606